martedì 10 luglio 2012

Padre padrone!

Il libro affronta anche un altro argomento interessante: quello del padre padrone. Era un argomento impellente un secolo fa, all’epoca della emancipazione della donna, ma sta tornando attuale adesso, a causa dello sbandamento della famiglia che, spesso, è causa di una mancanza di guida nei giovani, per cui essi trovano difficoltà a prendere le loro decisioni. E allora? Se il giovane è indeciso o lascia fare …, ecco che ritorna lo spettro del padre padrone.

Ma anche il giudice ha il suo ravvedimento: «Chi sono io, che da sempre ho voluto decidere il destino di mia figlia? »



È un brano del libro: “Chicco e il Cane” di Alfio Giuffrida

Si trova in libreria oppure on line. Ecco i link:








Il vecchio rilesse il foglio e fu subito soddisfatto di ciò che aveva scritto. Vide con soddisfazione che non aveva bisogno di alcuna correzione, forse era stato ispirato proprio da quella Mano Divina di cui lui aveva parlato. Lo arrotolò come una pergamena, lo legò con un nastro di seta e lo ripose nel cassetto. Poi prese un altro foglio dalla busta e intinse di nuovo la penna nel calamaio. Si sentiva ispirato a scrivere chissà quante altre riflessioni, quanti errori, leggerezze o cattiverie aveva compiuto senza accorgersene. Forse la storia della sua vita, che fino a qualche ora prima lui aveva giudicato piena solo di successi e invece adesso si rendeva conto che molte cose era meglio si fossero realizzate in modo diverso. Volse lo sguardo verso la finestra e vide che fuori il cielo si stava illuminando di un Sole che nasceva oltre l’orizzonte, dando forma e calore ad un nuovo giorno. La luce dell’alba incalzava sulle tenebre e colorava la terra, preparandola ad una nuova vita, mentre lui sentiva che la sua esistenza era ormai al tramonto. Guardò il foglio sullo scrittoio e riuscì a scrivere solo una breve frase: “Nella mia vita ho sbagliato troppe volte. Ogni volta che ho fatto qualcosa, mi sono sempre compiaciuto del mio operato, perché pensavo di essere riuscito a realizzarlo meglio di quanto riuscissero a fare tutti gli altri uomini. Pensavo che ero stato io a prendere le decisioni giuste, ma mi sono sempre sbagliato. Non avevo mai pensato alla parabola del foglio, della penna e del calamaio!Perdonatemi!”.


1 commento:

  1. Su "Forum" o "verdetto finale" spesso si vedono storie di padri contri figli. A volte hanno ragione i primi, altre volte i secondi. Ma la causa di tutto è alla base! è il crollo della famiglia.

    RispondiElimina